JavaScript ist in Ihrem Browser deaktiviert. Ohne JavaScript funktioniert die Website nicht korrekt.
Top

La caccia è necessaria?

La caccia protegge ed è utile
La regolamentazione controllata dei selvatici da un lato protegge le nostre foreste dall’eccessiva brucazione e dai danni considerevoli dovuti allo sfregamento con le corna. Una brucazione molto forte infatti impedisce il ringiovanimento e la ricrescita di una generazione di giovani foreste. Dall'altro lato però, rami, germogli e foglie degli alberi presenti nei boschi costituiscono il nutrimento dei nostri animali selvatici e quindi la brucazione entro certi limiti va tollerata. La sovrappopolazione provoca comunque danni ingenti.
Per quanto riguarda la volpe, si tratta di tenere sotto controllo gli stock. Se questi sono troppo numerosi, ci sono problemi con i cuccioli di capriolo, lepri e tutti gli uccelli che nidificano al suolo.
Una riserva di selvaggina adeguata garantisce la sopravvivenza di molti animali durante l'inverno, salvandoli dalla morte per fame.
La caccia fruisce in modo sostenibile della prole animale selvatica ricavandone carne biologica (selvaggina) di alta qualità e pellicce di volpe.

La caccia rispetta leggi rigorose
La base per l’esercizio della caccia in Svizzera è la legge federale in materia di caccia e protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici (LCP). Questa legge ha come scopo:
•    preservare la biodiversità e gli habitat di mammiferi e uccelli selvatici nativi e migratori,
•    limitare ad un livello accettabile il danno alle foreste e alle colture agricole causato dagli animali selvatici,
•    assicurare una fruizione adeguata delle riserve di selvaggina tramite la caccia,
•    proteggere gli animali minacciati.
L’esercizio della caccia è regolato dalle leggi cantonali in materia. Queste tengono conto delle condizioni regionali e in sostanza definiscono:
•    Formazione dei cacciatori (idoneità alla caccia)
•    Autorizzazione alla caccia
•    Specie cacciabili
•    Periodi di caccia
•    Armi, munizioni e altri ausili
•    Addestramento e impiego di cani

I compiti del cacciatore sono:
•    Controllo degli stock di selvatici (censimento)
•    Esecuzione dell’abbattimento stabilito (richiede molto tempo)
•    Allenamento di tiro e addestramento cani continui
•    Salvataggio dei giovani caprioli dai prati che devono essere falciati (morte per falciatura)
•    Protezione e cura degli habitat (protezione da morsicatura tramite fibre di canapa, recinzioni, superfici a pascolo, aree di riposo, ecc.)
•    Manutenzione di strutture di caccia (palchetti)
•    Installazione e manutenzione di dispositivi ottici e acustici per la segnalazione di animali selvatici lungo le strade
•    In caso di incidenti con animali selvatici avvenuti sulle strade o altro, recupero di animali morti o feriti, abbattimento e fornitura di assistenza (giorno e notte)
•    Problemi con martore e volpi in aree abitate
•    Attività di spiegazione e pubbliche relazioni

Regole generali di comportamento nei boschi
Proprio come i cacciatori, anche camminatori, escursionisti, ciclisti e amanti dell’equitazione usufruiscono della natura boschiva per svago e relax. Per garantire che tutte le nostre attività ricreative nella foresta abbiano il minimo impatto sull'habitat della fauna selvatica, è necessario osservare una serie di regole di condotta:
•    Rimanere sui sentieri e sulle strade forestali
•    Evitare boscaglie e zone impraticabili: è lì che dormono gli animali della foresta

Chi ha cani, ne sia responsabile
•    I cani in libertà possono frugare nei boschi e nei prati terrorizzando così animali selvatici giovani o che stanno riposando.
•    Anche se un cane non fa male agli animali, innesca stress e comportamenti di fuga.
•    Per garantire alla fauna selvatica un ambiente dove vivere e riposarsi, cani devono essere sempre sotto il controllo del proprietario.
•    Non dare ai cani vaganti l'opportunità di comportarsi liberamente, vanno tenuti al guinzaglio. Come proprietario, si è in larga misura colpevole di questo comportamento.
•    Soprattutto durante il periodo in cui ci sono i giovani caprioli -da aprile a luglio- tutti i cani vanno tenuti al guinzaglio!

Noi cacciatori ci auguriamo una convivenza comune nella foresta ed il rispetto reciproco.

CacciaSvizzera è assistita dal: